VENT’ANNI DOPO LA BEATIFICAZIONE DEL MARTIRE CEFERINO

AIZO logo

 

COMUNICATO  STAMPA

Benavent de Sangría, Spagna, 26 agosto 1861 – Barbastro, Spagna, 2 agosto 1936

Vent’anni fa con parecchi rom e sinti  ci siamo recati a Roma per festeggiare con Giovanni Paolo II la beatificazione del primo martire gitano. Un incontro con migliaia di persone provenienti da tutta Europa e America Latina.

 

Uno zingaro sugli altari! Ceferino Giménez Malla detto “El Pelé”, nato a Benavent de Lérida nel 1861 e fucilato presso il cimitero di Barbastro nell’estate del 1936. Nei primi mesi della guerra civile che insanguinò la Spagna fu arrestato per aver difeso un sacerdote; al momento dell’esecuzione stringeva tra le mani la corona del rosario.

 

Zefirino Giménez Malla, si adoperò per promuovere la pace e la concordia tra il suo popolo e i vicini, finché fu arrestato in quella stessa persecuzione mentre difendeva un sacerdote trascinato per le vie dai miliziani. Rinchiuso in carcere e condotto infine al cimitero, fu fucilato con la corona del Rosario tra le mani, ponendo così fine al suo pellegrinaggio terreno.

 

Domani alle ore 10,30 presso la sede nazionale dell’A.I.Z.O. di via Foligno 14 a Torino volontari, operatori e rom ricorderanno, in un incontro aperto al pubblico,  la figura di Ceferino Giménez Malla detto El Pelè” nel ventennale dalla sua beatificazione avvenuta nel 1997.