Odio e ignoranza: come gioire di una tragedia

Nella giornata di ieri, a seguito dell’alluvione che ha colpito il torinese e dell’allontanamento dei rom accampati nel campo di Lungo Stura Lazio per motivi di sicurezza, l’onorevole Cavallotto della Lega Nord è intervenuto sull’evento dichiarando “La pioggia è riuscita nell’impresa fallita da Fassino, cioè lo sgombero del campo nomadi abusivo di Lunga Stura”. Una dichiarazione choc che arriva nel giorno in cui vengono commemorate le vittime di questa alluvione, vittime che il gruppo della Lega Nord del comune di Torino ha chiesto di ricordare con un minuto di silenzio.

A.I.Z.O. rom e sinti, Associazione che da 40 anni opera a favore dell’inclusione del popolo rom, si esprime costernata per queste dichiarazioni, che non possono essere giustificate con nessuna motivazione. Una calamità naturale come un’alluvione è una tragedia che colpisce l’intera popolazione e il popolo rom, spesso duramente colpito da queste disgrazie, merita la stessa solidarietà di tutto il resto della popolazione. Ricordiamo per esempio la morte di una bambina rom durante un’alluvione di alcuni anni fa’, quando il fiume Stura è esondato all’altezza del campo autorizzato di Strada dell’Aeroporto, rischiando di travolgere tutte le abitazioni dell’area realizzata dal Comune.

Gioirsi di un evento così tragico che può mettere a repentaglio la vita di persone, di qualsiasi etnia esse siano, è un atto vile e criminoso e che risulta stridente con la richiesta del gruppo della Lega Nord di osservare un minuto di silenzio per esprimere solidarietà alle famiglie colpite dalle recenti alluvioni. Gli esponenti della Lega sembra continuino a dividere la popolazione in due categoria: una a cui esprimere solidarietà e vicinanza, un’altra da dimenticare e considerare solo quando crea problemi.

La replica del deputato, intervenuto dopo le polemiche che hanno suscitato le sue parole, non sono sufficienti per giustificare delle parole così pesanti e irrispettose della vita umana.

A.I.Z.O. ritiene che sia di fondamentale importanza affrontare la situazione del accampamento di Lungo Stura Lazio ma trovando soluzioni alternative per le persone che vi abitano che permettano loro di  emanciparsi dalla condizione del grande campo abusivo e non le costringano a cercare un’altra area dove accamparsi tra topi e immondizia, senza acqua e elettricità.  Uno sgombero senza alternative di certo non risolve il problema della sicurezza e della legalità e risulta essere solo un’inutile spreco di risorse economiche, ma augurarsi che sia un’alluvione a sgomberare il campo è oltremodo insensato e irrispettoso.

A.I.Z.O. invece si augura che dichiarazioni di questo tenore, che provocano anche l’indignazione della comunità internazionale, non vengano più espresse da coloro che fanno parte dell’attuale governo.